Vendere foto online (1 di 10).

Scottish kiltsCome anticipato la scorsa settimana con questo post inizia la serie di dieci appuntamenti (più uno finale, dove tireremo le somme) che hanno lo scopo di analizzare cosa funziona e cosa no in una serie di fotografie che hanno dato prova di riuscire a vendere bene on line. Parlo specificatamente di fotografie che funzionano, non di belle fotografie. Il mercato della fotografia stock, infatti, si nutre di fotografie che abbiano certe caratteristiche utili a risolvere il problema del cliente più che belle fotografie aventi valenza artistica.

Iniziamo quindi ad analizzare la fotografia in apertura di post. Quest’immagine è stata messa on line nell’ottobre 2010 su diverse agenzie di fotografia microstock, in primis Shutterstock, iStockphoto e Fotolia. L’immagine ha venduto fino ad oggi per circa 470 $ (USD, tutte le cifre di questi post saranno riportate in dollari americani per ragioni di praticità). E’ stata acquistata 1046 volte e i clienti che l’hanno comprata del 56% delle volte cercavano la keyword Scotland, seguita nel 10% da Scottish.

I dati di scatto sono le mie impostazioni da combattimento, sempre pronto per ogni evenienza: scatto rigorosamente RAW, ISO 100, priorità d’apertura a f/8. La bella giornata di sole permetteva tempi sufficientemente rapidi per evitare qualsiasi effetto mosso. La macchina è una Canon 5D MKII con obiettivo tuttofare Canon 24-105 serie L. La postproduzione è per me sempre minima ed abbastanza standard. Utilizzo Lightroom 4 e normalmente intervengo aumentando contrasto, chiarezza e saturazione a livelli di buon senso. A volte ritaglio l’immagine eliminando dai bordi i particolari che distraggono ma avendo cura di non tagliare più del 10% circa dell’immagine. Di fatto, uso Photoshop in rarissime occasioni (quasi mai per il microstock) e non lo ritengo uno strumento indispensabile.

Il momento creativo in cui è nata questa fotografia arriva durante un viaggio estivo in Scozia. Assieme alla fidanzata decidiamo di andare a vedere gli Highland Games, una serie di eventi sportivi che in tutto il mese di agosto coinvolge buona parte della Scozia. Durante questi eventi gli sfidanti si confrontano sia in prove sportive, sia in prove di danze tradizionali, sia in prove musicali. Mi aveva colpito il taglio perfetto dell’erba del prato sul quale si svolgevano le sfide delle bande di suonatori di cornamusa e mi piaceva il contrasto con il colore rosso dei gonnellini. Ho realizzato una serie di scatti dei dettagli che a mio parere raccontavano la storia del momento: le mani sulle cornamuse e i gonnellini.

Perché proprio questa immagine? Scottish kilts

Ho scattato circa una cinquantina di fotografie di gonnellini scozzesi e dettagli vari di mani/piedi di suonatori. Tra le tante c’è anche quella che vedi qui di lato. Sebbene questa seconda immagine abbia venduto qualcosetta (neanche lontanamente paragonabile alla prima), penso che il taglio della scarpa del primo suonatore a sinistra (errore non voluto) e la scelta di un’inquadratura diagonale un po’ eccessiva (scelta compositiva possibile ma secondo me non così efficace in questo contesto) abbia penalizzato la seconda immagine e altre simili rispetto a quella di apertura post. E allora perché ho comunque fatto l’upload di quest’immagine anche se non funziona? Perché ai tempi non lo sapevo che non sarebbe funzionata.

Perché funziona? Funziona perché racconta una storia (in questo caso un paese) dicendo il minimo indispensabile. Durante questi eventi la tentazione potrebbe essere quella di includere troppi stimoli in una fotografia, mentre in questa immagine è raccontato nel modo più semplice possibile un dettaglio tipico che rimanda allo stereotipo della Scozia. I colori saturi, specialmente i rimandi al rosso, aiutano a vendere. Come dice lo stilista Valentino: se una donna vestita di rosso entra in una stanza tutti si voltano a guardarla. Dico io (dopo alcuni anni di bastonate nel microstock): se in una serie di fotografie mostrate su un monitor ce ne sono alcune rosse, l’occhio dell’acquirente va in quella direzione. Questo scatto poteva anche essere migliore: se i suonatori in primo piano fossero stati tre anziché quattro probabilmente l’immagine avrebbe funzionato anche meglio. Ho infatti avuto modo di constatare che un numero di elementi dispari in primo piano (tipicamente tre o cinque) rendono la composizione molto più accattivante per l’acquirente.

Tutti i commenti sono i benvenuti! Alla prossima settimana

2016-10-15T10:55:34+00:00 11 settembre, 2013|Fotografia Microstock|9 Comments

9 Commenti

  1. Roberto 20/09/2013 al 23:57 - Rispondi

    Questo iniziativa e´davvero ben fatta! davvero interessante come ti soffermi sui piccoli particolari che altri, parlando di microstock, tralasciano.
    Complimenti!

    • Paolo 21/09/2013 al 12:19 - Rispondi

      Ciao Roberto,
      Grazie per l’incoraggiamento. Essendo un blog nato da qualche settimana ti informo che tu sei il vincitore del premio “primo commento su fotoguadagnare.com”, che prevede la stampa della tua mail e l’inserimento in quadro con cornice di radica di fianco al mio comodino.
      In bocca al lupo per le tue avventure da microstoccaro!

  2. mino 25/09/2013 al 17:49 - Rispondi

    Complimenti per il blog, ho scoperto per caso l’articolo “vendere foto on line” parte 3, ed ho letto a ritroso la parte 2 e 1 con molto interesse, ci sono particolari del microstock che non conoscevo e che provero’ ad applicare nelle mie prossime foto!

    • Paolo 25/09/2013 al 18:31 - Rispondi

      Ciao Mino,
      Benvenuto! La serie “vendere foto on line” sarà composta da 10 post + uno di chiusura, ma se nelle prossime settimane hai dei temi di microstock che ti interessano puoi proporli e possiamo svilupparli assieme con dei post dedicati. Fammi sapere!

      A presto

      Paolo

  3. Mino 27/09/2013 al 16:48 - Rispondi

    Ciao Paolo
    benissimo, leggero tutti i 10 post con interesse allora….
    per quanto riguarda temi in particolare, non mi viene in mente nulla, forse mi piacerebbe capire su quali soggetti orientarsi e quali sono le categorie di foto che vanno per la maggiore…
    A presto!

    • Paolo 28/09/2013 al 08:38 - Rispondi

      Ricevuto forte e chiaro!

      Paolo

  4. Samuel 21/10/2013 al 14:13 - Rispondi

    Interessante… proprio quello che cercavo. Io da poco ho iniziato a caricare foto su Alamy… vedremo.

    Il mio sito. http://www.samuelfotografia.com

    Saluti
    Samuel

  5. Gianluca 24/10/2013 al 11:13 - Rispondi

    Complimenti Paolo!
    Argomento interessantissimo : proprio in questi giorni sto cercando di farmi approvare le immagini dai siti di cui parli per cercare di autofinanziare questo straordinario hobby, purtroppo mi hanno bocciato già due volte :(.
    Mi piace molto anche il banner del blog che richiama la mia altra grande passione : gli scacchi ;).
    Non vedo l’ora di leggere tutti i tuoi post e sono sicuro che imparerò molto quindi ti ringrazio fin d’ora.
    Ciao
    Gp

    • Paolo 25/10/2013 al 14:14 - Rispondi

      Gianluca benvenuto a bordo. Il banner non è messo li per caso, anche se purtroppo le mie capacità di scacchista si sono al momento fermate al titolo di Seconda Nazionale. Scacchi e fotografia… ci stanno bene assieme. Fammi sapere se hai delle domande o degli argomenti da proporre: saranno affrontati nei prossimi post.

      A presto

      Paolo

Per lasciare un tuo commento...