La bacheca delle idee 2016-10-15T10:52:29+00:00

Questa pagina è per te.

In questa pagina raccoglieremo tutte le idee, i suggerimenti, le necessità dei lettori di questo blog.

Fin dal suo inizio, Fotoguadagnare si è adattato alle esigenze dei lettori e ha cambiato pelle numerose volte proprio per riuscire a servire meglio le curiosità e le richieste di chi legge questo blog. Se vuoi indicare un argomento da proporre, un diverso layout del sito oppure fare una critica questo è il posto giusto. Fai un commento in questa pagina e lascia la tua idea.

Non essere timido: le tue esigenze sono quelle di molti! Scrivi e aiuterai questo blog a migliorare!

 

22 Commenti

  1. Marta Busto 19/05/2016 al 02:01 - Rispondi

    Ciao Paolo e ciao a tutti quelli che ci leggono.
    Quando girovagando per il sito ho letto della sezione “La bacheca delle idee” ho detto “E’ mia!!, è la risposta ad un momento di stallo creativo.
    Sin dagli albori del tuo sito e dall’uscita del tuo primo libro è vero che hai già dato i riferimenti in merito, ma ci sono novità?
    Ci si può appoggiare alla rete per qualche nuova ricerca di mercato?
    Ho tentato di avere questa risposta anche analizzando le info delle varie agenzie (sono contributor di una dozzina di queste), però, sinceramente, non so’ se la fatica di uno studio del genere abbia un senso, se il gioco valga la candela.
    Quanto può aver senso creare un blog che sia di spunto alla vendita diretta di fotografie? (di fatto in alternativa alla non esistenza di agenzie microstock italiane).
    Grazie e complimenti per l’impegno nel migliorare sempre più questo tuo lavoro fotografico.
    Sinceramente.
    Marta

    • Paolo 20/05/2016 al 21:03 - Rispondi

      Ciao Marta,

      Grazie di avere dato degli spunti cui pensare. Per quanto riguarda i nuovi trend di mercato questi variano piuttosto di frequente e a volte bastano poche settimane per vendere o non vendere immagini degli stessi soggetti. E’ un periodo in cui personalmente preferisco non privilegiare la ricerca ossessiva del soggetto vincente ma lo stile dell’immagine, lavorando molto in postproduzione. Ho avuto di recente una serie di immagini di dettagli di muri lavorati con caratteri arabi che hanno venduto moltissimo non per il soggetto (abbastanza comune), ma soprattutto perché le avevo lavorate in postproduzione con contrasti e vignettatura molto accentuate. Quindi, per quanto mi riguarda personalmente e in questo momento, viva la ricerca di uno stile diverso!

      Secondo punto: non ho capito se hai intenzione di fare un blog che parli di microstock oppure vuoi aprire un sito per vendere immagini. Ci puoi dare chiarimenti?

      A presto!

      Paolo

    • Gianmichele Arrighetti 08/09/2017 al 07:07 - Rispondi

      Ciao Paolo, e un ciao tutti,
      grazie per il tuo sito e per i tuoi testi (e foto ovviamente) che mi sono stati e sono molto utili e mi hanno dato un po’ di coraggio.
      E’ qualche mese che mando foto a Shutterstock e Adobe Stock.
      Non vendo molto, finora, ho fatto solo circa 50 nEuri, comunque ogni volta che ne vendo una mi sento felice e soddisfatto, pensando che in Brasile, negli States o in Russia qualcuno ha comprato una mia foto.
      Ora vengo alla domanda.
      Vedo spesso sulle pagine delle agenzie Microstock, – anche quelle dei nostri amici qui di “Fotoguadagnare”- foto di automobili o anche ultimamente p.es. una serie infinita di moto Harley Davidson, con il loro marchio ben in vista.
      Se io provo a postare foto di veicoli con il marchio di fabbrica in vista, la foto viene SEMPRE rifiutata con il commento..” Trade Mark… ecc ecc ” insomma non si deve vedere il marchio.
      Non posso certo andare alla Ferrari a chiedere di firmarmi una liberatoria. Come si fa in questi casi.

      Grazie Buona luce a Tutti

      Gianmix

      • Paolo 09/09/2017 al 11:14 - Rispondi

        Ciao Gianmix,

        E’ corretto, le foto che sono vendute per utilizzo commerciale non possono riportare loghi (oppure devi chiedere liberatoria alla Harley Davidson, che potrebbe essere abbastanza costoso…). L’alternativa è inviare le immagini con indicazione per utilizzo Editoriale: hanno un mercato minore ma non necessiti di liberatorie.

        A presto

        Paolo

        • Gianmichele Arrighetti 10/09/2017 al 10:01 - Rispondi

          Grazie mille, ora ho capito !
          Un’altra cosa vorrei sapere se non sono troppo indiscreto, le mie foto al 95% circa le vendo a 0,25 cent, è corretto ? anche per voi è così? o sbaglio qualcosa?
          Poi ho visto che ci sono differenti prezzi: subscription, abbonamenti, on demand ecc. cosa significa?
          Dipende da me o da cosa?
          Buona Luce a tutti !

          • Paolo 10/09/2017 al 18:34

            Ciao Gianmichele,

            Ti confermo che la stragrande maggioranza delle mie foto online vendono tra i 25 e 33 centesimi, quindi non sei da solo. I diversi prezzi sono correlati alle diverse modalità di acquisto che tu hai indicato: Subscription, on demand etc. Ogni agenzia ha le sue peculiarità in tema di marketing e vendita e su questo specifico tema puoi farci poco. L’importante è vendere essendo in grado di intercettare le esigenze del mercato.

            Paolo

  2. Antonio 17/09/2016 al 17:38 - Rispondi

    Ciao Paolo, prima di tutto complimenti per tutto quello che fai. Vorrei chiederti un aiuto. Sul sito IStock non capisco come uploadare le foto. Riesci ad aiutarmi? Grazie

    • Paolo 18/09/2016 al 17:50 - Rispondi

      Ciao Antonio,

      Devi scaricare il software DeepMeta. E’ gratuito e lo trovi digitandolo su Google.

      A presto

      Paolo

  3. Marco Carestia 07/10/2016 al 19:34 - Rispondi

    Ciao, ho completato la registrazione a Istock e si proprone l’esclusiva sulle foto, cosane pensi?

    • Paolo 08/10/2016 al 11:07 - Rispondi

      Ciao Marco,

      Personalmente ho rifiutato di dare l’esclusiva a qualsiasi agenzia fotografica, microstock o meno. Non ritengo che l’aumento dei guadagni sulla singola agenzia mi ripaghi della possibilità di utilizzare molteplici canali di vendita.

      A presto

      Paolo

  4. Marco Carestia 08/10/2016 al 11:11 - Rispondi

    Grazie per l’informazione,utile osservazione.

  5. Marta 02/04/2017 al 20:15 - Rispondi

    Ciao Paolo,
    rileggo il mio commento dello scorso anno e ci risento tutta la confusione mentale e la rabbiosa voglia di fare di quel momento, in cui stavo vivendo un grosso problema personale.
    Superato il problema grazie alla insostituibile forza e saggezza di mio marito mi sento in dovere di ringraziare te e chi mi ha permesso il piacere e l’onore di conoscerti perchè nella fotografia e nel microstock in particolare ho trovato la mia “salvezza mentale e gratificazione personale”.
    Spiego brevemente la mia storia nella speranza che possa essere di aiuto a qualcuno.
    Mi trovavo in un momento veramente triste in cui sul lavoro, con vessazioni continue e costanti mi avevano mentalmente distrutta e la mia salute cominciava a vacillare. Ti dico solo questo: al mattino quando uscivo di casa per andare in ufficio, nonostante cercassi di tenerle nascoste a mio marito, già le lacrime inumidivano il mio viso.
    Impegnarmi nel microstock seguendo i tuoi consigli, ha voluto dire che:… se mettendo a confronto le varie agenzie vedo che tutte le foto che ho inviato sono state accettate (o dall’una o dall’altra agenzia), questo non vuol dire che il mio lavoro è giusto o sbagliato, bello o brutto, deve solo arrivare a chi lo sa apprezzare o a chi ne ha bisogno, ma nessuna agenzia rifiuta un’invio offendendo o denigrando, semplicemente ti spiega perchè a lei non serve, mentre, al tempo stesso ad un’altra agenzia serve …. e da tutte le opinioni si può imparare …
    Questo, secondo me, non solo per quella che è la mia personale esperienza, ma proprio in un momento storico difficile come quello che stiamo vivendo, è fondamentale per sopravvivere.
    Quindi, grazie a te, a chi mi ha permesso di conoscerti, alla fotografia, al microstock e …. ultimo, ma non per importanza …. a quell’angelo con il quale ho il piacere e onore di condividere la mia vita e l’approssimarsi della vecchiaia.

    Un augurio a tutti di buona luce, sia fotografica che di vita
    Marta

  6. Gianmichele Arrighetti 04/05/2017 al 17:32 - Rispondi

    Ciao leggo tutto quello che scrivi e lo trovo davvero utile per me alle prima armi con il Microstock, Grazie quindi innanzitutto. poi volevo farti una domandina: Come fai a sapere dove e chi ha comprato una tua foto su ShutTerstock e Adobe stock (Fotolia) ?
    Ho provato a cercare ma non ho trovato nulla, però leggendo i tuoi libri talvolta accenni a chi ti preso una o l’altra foto , per cui penso tu lo sappia.
    Grazie ancora e ciao

    • Paolo 06/05/2017 al 11:29 - Rispondi

      Ciao Gianmichele,

      io utilizzo un metodo semplicissimo: il motore di ricerca per immagini di Google.
      Per tua comodità, ecco qui il link: https://images.google.com/

      A presto

      Paolo

      • Gianmichele 06/05/2017 al 16:02 - Rispondi

        Che furbetto! Grazie ancora, davvero non ci ero arrivato. L’uovo di Colombo.

      • Marta 06/05/2017 al 23:50 - Rispondi

        Ciao Paolo, letta la risposta che hai dato al commento di Gianmichele ho subito provato ad utilizzare il link https://images.google.com/. Digitata la ricerca del mio nome, ci trovo solo qualcuna delle mie foto (non tutte e non su tutte le agenzie che le hanno accettate) e non riesco a capire chi le ha acquistate. Mi puoi per favore aiutare?
        Grazie infinite.
        Marta

        • Paolo 12/05/2017 al 13:59 - Rispondi

          Ciao Marta,

          In verità io non digito mai il mio nome nel campo di ricerca. Utilizzo semplicemente l’icona della macchina fotografica posizionata sulla destra e ricerco l’immagine che voglio ritrovare sul web, poi lascio fare al motore di ricerca…

  7. Gianmichele Arrighetti 12/05/2017 al 14:16 - Rispondi

    Ottimo grazie,
    ho provato così e funziona, con le keyword invece nulla da fare.
    Però quasi sempre trovo le mie foto nelle agenzie alle quali ho mandato :Adobe Stock (Fotolia) e Shutterstock , raramente in qualche altro sito.
    Oppure in siti di automobili o strumenti tecnici che, mi pare di aver capito, vendono per le agenzie… e questo no lo sapevo.

  8. lorenza 07/09/2017 al 13:57 - Rispondi

    Ciao Paolo,

    ti scrivo questa mail per chiederti alcune cose. Ci siamo già parlati tempo fa e nel frattempo sono cresciuta con l’esperienza e con il lavoro. Solo lavorando prendi confidenza e realizzi come funziona il microstock, le keyword …
    Ti scrivo per chiederti alcuni consigli.
    Attualmente collaboro con shutterstock, fotolia, dreamstime, 123rf , depositphoto e alamy. Non ho interesse in questo momento a coltivare altre agenzie, il lavoro diventerebbe molto pesante e, come te, è riservato solo ai fine settimana e alla sera, quando non sono troppo stanca.
    Ho iniziato circa un anno fa e la mia situazione è questa: shutterstock mi sta dando soddisfazione : attualmente ho 700 immagini vendute e più di cento con Fotolia, il resto è al rallentatore. Il mio portfolio immagini è arrivato a 1600 foto su shutterstock, e, stanno arrivando a mille le altre agenzie (ho cominciato più tardi con le altre)
    due cose ho bisogno di capire e te ne sarei grata se mi dai qualche suggerimento:
    – dreamstime, 123RF e deposithphoto hanno bisogno di tempo per avere qualche riscontro ? Continuare a tuo parere: ho iniziato a maggio e fino ad ora ho venduto una decina di foto …
    – alamy… ne vale la pena??? E’ vero che solo dopo aver caricato più di duemila foto si riesce ad avere qualche vendita…

    Una cosa però mi tormenta. Quando guardo le mie immagini su shutterstock, dal sito, le trovo senza vividezza. In realtà quando sistemo i files raw con LR cerco di sistemarle bene con bei colori (anche se il mio stile non è da foto irreali..) . Sarebbe meglio secondo te forzare la saturazione???
    Comunque io continuo, mi piace la fotografia e questa cosa è la più importante… ( uso una 7100 e ho delle buone focali..(16 – 85 nikon e 10 – 24 nikon e il 50 1.4 per i ritratti al mio nipotino…😊😊
    Trovo comodo il sito picworkflow per inviare le foto alle agenzie, così indicizzo le foto solo una volta.
    Ti lascio il link del mio portfolio e dammi il tuo parere….

    https://www.shutterstock.com/it/g/lorenza62?

    search_source=base_gallery&language=it&page=1&page=1&sort=newest&safe=true

    ti ho chiesto troppo??? Spero di no. Quando riesci a trovare un momento… grazie!!!

    • Paolo 07/09/2017 al 14:36 - Rispondi

      Grazie per essere passata sul blog a leggere. Vado subito alle risposte, visto che le domande sono tante.

      1) Le agenzie che suggerisco come fondamentali sono Shutterstock e Fotolia, il resto lo coltivi se hai tempo. Personalmente ritengo le agenzie che hai indicato in aggiunta alle prime due (Dreamstime, 123RF e Depositphoto) buone agenzie. Non è che hanno bisogno di più tempo, è che si vende proprio meno. Con Shutterstock e Fotolia personalmente vendo il 70% di tutte le mie immagini

      2) Alamy ne vale la pena. Non è un grosso lavoro aggiuntivo e mi è capitato di vendere diverse immagini sopra i 100 dollari.

      3) La saturazione nel mondo del microstock paga perché fa vendere, ma non mi risulta che ci siano motivi per i quali le tue immagini dovrebbero perdere di vividezza sul sito delle agenzie. Una cosa che aiuta sempre, a prescindere dal tuo caso specifico, è calibrare il monitor: io lo faccio trimestralmente.

      4) Invito i lettori del blog a dare un’occhiata al tuo portfolio non solo perché è di buona qualità, ma anche perché ci sono delle belle idee.

      A presto

      Paolo

  9. Andrea Masini 20/10/2017 al 16:41 - Rispondi

    Salve Paolo

    mi chiamo andrea masini,

    ho incominciato come fotografo di stock l’anno scorso e, ad oggi ho circa 130 foto caricate sulle agenzie più importanti

    purtroppo per diversi mesi non ho più continuato per questioni di tempo e altre attività, adesso ho ricominciato e leggendo il tuo libro mi sono entusiasmato, complimenti per i tuoi scatti li ho visti su shutterstock sono bellissimi

    sia per esecuzione composizione e post produzione,

    volevo chiederti delle informazioni se possibile, la prima è sapere se condividendo il proprio portfolio con i social network ci sia pericolo che le foto vengano scaricate a discapito del lavoro dell’autore o può essere una buona vetrina per farsi conoscere e allargare la

    possibile cerchia di clienti e quindi di guadagni

    la seconda è posso pubblicare foto con loghi ad uso editoriale? senza liberatorie? tu l’hai mai fatto, ho scritto a shutterstock e mi sembra di aver capito che sia possibile ma usando una didascalia appropriata. cosa intendono?

    la terza ed ultima, per avere un link personalizzato del proprio portfolio sulle agenzie come il tuo, ci sono requisiti particolari oltre chiaramente penso, ad anni di duro lavoro e impegno?

    rivedendo le tue foto ho visto che ci sono numerose foto di Genova e dintorni e soprattutto mi sembra del cimitero monumentale di Staglieno, ma sei di Genova? non rispondere pure se vuoi capisco la privacy

    ti ringrazio per l’attenzione e di nuovo grazie per i tuoi consigli

    cordialmente

    andrea masini

    buona luce 🙂

    • Paolo 20/10/2017 al 17:29 - Rispondi

      Ciao Andrea,

      Grazie a te per essere passato da queste parti a leggere. Vado subito alle domande che hai postato.

      1) Non credo nella condivisione di proprie fotografie sui social per aumentare le vendite microstock. Non perché qualcuno possa “rubare” le mie immagini, ma semplicemente per il fatto che le agenzie microstock hanno delle piattaforme di comunicazione e vendita enormemente più importanti del nostro profilo social. Sarebbe come mettersi a vendere con la bancarella di fronte a 10 centri commerciali. Preferisco investire il mio tempo nel selezionare nuove agenzie e usare le loro piattaforme di comunicazione.

      2) Sì è possibile ma la didascalia deve essere specifica per questo tipo di fotografia. Ecco il link che ti può aiutare: https://www.shutterstock.com/blog/creating-the-perfect-editorial-caption

      3) Il link personalizzato è una caratteristica comune a molti siti microstock: non è necessario essere presenti da anni su quello specifico sito, basta cercare la modalità opportuna per l’inserimento dati.

      A presto!

      Paolo

Per lasciare un tuo commento...